MELISSA NR.300 SEMI
MELISSA NR.300 SEMI

MELISSA NR.300 SEMI

Categoria: ,
Codice:

MELISSA ( MELISSA OFFICINALIS )

MELISSA Semina

Generalmente si procede a primavera inoltrata, quando le minime notturne abbiano superato i 10 gradi. Si utilizzano cassette o vassoi alveolari. I semi non vanno mai coperti con strati troppo spessi di terriccio, visto che sono piccoli. L’ideale è l’utilizzo di sabbia fine o vermiculite

Manteniamo l’umidità alta vaporizzando spesso o ponendo i contenitori in immersione in acqua. La germinazione avviene in circa 2 settimane. Si dovrà poi procedere con numerose cimature al fine di ottenere piantine ben accestite.

La raccolta dei semi si effettua verso ottobre. Ricordiamoci però che raramente le cultivar mantengono la colorazione particolare delle foglie nelle generazioni successive.


Terreno e usi in giardino

La melissa necessita, per crescere al meglio, di un suolo fresco e profondo, leggermente argilloso e comunque ricco. Se risultasse troppo pesante sarebbe meglio, al momento dell’impianto, alleggerirlo inserendo una buona quantità di sabbia e dell’ammendante organico ben decomposto.

In genere sopporta piuttosto bene anche i substrati poveri, purché le irrigazioni siano frequenti. È così possibile inserirla anche in giardini rocciosi particolarmente assolati.

Può trovare anche belle collocazioni nelle bordure (sia la specie, sia le varietà con foglie decorative), oppure come coprisuolo (per coprire il piede di una siepe). Se si dovesse allargare troppo sarà sufficiente un colpo di tagliabordi per limitarne l’invasività.


Melissa in vaso

È così adattabile che può essere coltivata tranquillamente in contenitore, per un lungo periodo. Vuole un substrato ricco, piuttosto argilloso e che riesca a mantenersi umido a lungo. Il terriccio ideale sia per la semina, sia per i vasi è composto da 1/3 di composta per piante verdi, 1/3 di terra da giardino argillosa e 1/3 di sabbia.

Evitiamo di inserirla con altre essenze. Come la menta, infatti, si allarga velocemente occupando tutto lo spazio a disposizione e entro breve, quindi, finirebbe per soffocare i “coinquilini”.

Molto adatte a questo uso sono le cultivar con foglie dorate: sono difatti meno vigorose e si renderà necessario più raramente ricorrere alla divisione.

I vasi possono essere posti sulle finestre della cucina, visto che l’aroma emanato allontana le zanzare. Risulta inoltre molto gradevole l’effluvio durante i pasti e quindi potrebbe essere una buona idea confezionare abitualmente dei mazzolini per decorare la tavola.


 

 

 

 

 

Messa a dimora melissa

Il periodo migliore per mettere a dimora le piantine di melissa è senza dubbio la fine dell’inverno.

Si scaveranno delle buche larghe almeno quattro volte il diametro del pane di terra. Dopo aver depositato sul fondo una manciata di stallatico stagionato inseriremo la piantina e ricopriremo con il terriccio. Pressiamo bene e irrighiamo abbondantemente.


Altre cure colturali

Si tratta di una essenza piuttosto autonoma. È tuttavia necessario intervenire a luglio, quando comincia la fioritura, per tagliare l’intero cespuglio alla base. In questa maniera eviteremo l’importante autodisseminazione e potremo utilizzare le foglie come più ci aggrada.

La pianta, oltre a tutto, sarà stimolata a produrre nuovi steli e ad allargarsi. Nel giro di poche settimane ricrescerà più bella di prima e potremo effettuare una nuova raccolta ad ottobre (o procedere poi con la pulizia primaverile nel mese di marzo).


Annaffiature

La melissa non necessita di grandi quantità d'acqua, anche se raccolti maggiori si possono avere annaffiando regolarmente la pianta con moderate quantità d'acqua, evitare gli eccessi. Volendo si può concimare con del concime specifico per piante verdi, nel periodo che va da marzo a settembre.

In piena terra, specie se ben posizionata e con un terreno ricco, la melissa non necessita interventi.

Se invece si trova in un’area molto assolata e magari il substrato risulta sabbioso, possiamo intervenire settimanalmente, in mancanza di precipitazioni naturali.

In vaso sarà bene mantenere sempre il substrato leggermente umido, evitando però sempre i ristagni.

 

€ 1,00 *

* prezzo escluso di iva al 10%

Articoli Correlati

benary
FAS
floranova
hemgenetics
kieft seeds
miyoshi
panamerican
sahin
sakata
SeedsSelect
syngenta flower
taki
vegetalis